top of page

Questo Articolo è offerto da

Una strepitosa Irene Bertini arriva seconda ai Mondiali di fioretto a Riyadh

Scherma Pisa 12 aprile 2024 - La forte atleta del Pisascherma in forza ai Carabinieri perde solo la finale 14-15 contro la canadese Guo, atleta esperta e grande favorita della vigilia. Ma la canadese in finale ha sofferto e tremato di fronte ad una fantastica Irene Bertini che fino all’ultimo ha voluto dire la sua, tirando un match al limite della perfezione, anche quando l’avversaria dopo un iniziale parità sembrava aver imboccato la strada per la vittoria. Sul punteggio di 12-7 la canadese si è trovata di fronte una Irene Bertini tutt’altro che rassegnata. E così dal 12-12 nasce un nuovo assalto. Teso, avvincente, dove alla fine si è giocato tutto all’ultima stoccata, in quegli attimi dove il nervosismo e la paura di commettere un errore può risultare tremendamente fatale. Il guizzo vincente lo trova alla fine Jessica Guo, ma il sorriso di Irene Bertini a fine assalto e l’abbraccio con il CT Stefano Cerioni portano la consapevolezza che questa medaglia d’argento è davvero molto prestigiosa e “pesante”. E questo si evince anche dalle parole di Irene:

“Sono felicissima, sono soprattutto contenta del mio atteggiamento avuto per tutta giornata in pedana. Certo ho un po' di rammarico per l’ultima stoccata che non mi ha fatto vincere l’oro, ma sono comunque soddisfatta di questa giornata bellissima”.

La Bertini si è abbattuta come un ciclone sulle avversarie fin dall’inizio della giornata, con sole sei stoccate ricevute al girone (cinque ricevute nell’unico assalto perso) si è ritrovata quattordicesima nel tabellone di diretta. Nei 64 ha superato 15-9 l’atleta di Hong Kong Chan. Nel turno delle 32 successo per 15-7 contro la canadese Hayes. Negli ottavi assalto dominato contro l’egiziana Amr Hossny 15-5.

Nei quarti la certezza della medaglia grazie al successo, conquistato fin dalle prime battute, contro la romena Dinca per 15-4.

Si è arrivati così alla sfida tutta italiana (e anche tutta pisana) in semifinale contro Vittoria Pinna (CSP Di Ciolo), assalto che ha visto imporsi Irene Bertini per 15-13 tra gli applausi dei presenti e un abbraccio finale tra le due compagne di squadra.

Tanta soddisfazione tra le file de Pisascherma per questo prestigioso risultato, un argento mondiale che vale oro e che porta la società pisana sul tetto del mondo, anzi a una stoccata dal tetto del mondo.

 

Tutte le foto sono di Augusto Bizzi



53 visualizzazioni

Commenti


bottom of page